ISSN 2283-7558

articolo

da ALA ASSOARCHITETTI

Restauri, riqualificazioni e recuperi

Il Premio Dedalo Minosse non è solo edifici di nuova costruzione

Un piccolo osservatorio, quello del Premio Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura, sicuramente parziale e in parte casuale. Tuttavia offre un panorama significativo che passa attraverso il setaccio di molte testate di architettura, associazioni di architetti, fiere, in Italia e all’estero. La cadenza biennale del concorso, consente anche di constatare alcuni cambiamenti che avvengono nel mondo dell’architettura, nelle città e sui territori.
Il Dedalo Minosse è un premio sull’architettura, che viene assegnato non agli architetti, ma ai committenti, siano essi pubblici o privati, aziende o costruttori, associazioni, enti, purché attenti oltre che alla qualità compositiva, all’innovazione, alla cultura, all’identità, all’inclusione, alla sostenibilità economica, sociale o ambientale.


ABBONATI ORA per leggere l'articolo integrale

Ai lavoratori intellettuali che si occupano di architettura, lettori abituali o sporadici di rec_magazine, ALA Assoarchitetti_Associazione degli architetti e degli ingegneri liberi professionisti italiani, propone una problematizzazione di temi all'intersezione tra architettura come disciplina e architettura come lavoro. Dalla profonda crisi del nostro settore, esce infatti oggi un professionista radicalmente trasformato: è il momento di cercare di capire quale è questo nuovo profilo intellettuale ed operativo, per competenze, compiti, responsabilità, ruolo sociale ed economico.