ISSN 2283-7558

Esempi virtuosi di riuso

Esempi virtuosi di riuso

Il convegno a Venezia

Realizzazioni, opportunità e casi concreti sono stati raccontati dai numerosi relatori intervenuti al convegno ‘‘Valorizzare il patrimonio storico in maniera compatibile’, svoltosi a Venezia giovedì 6 giugno e organizzato da ARTedilia, con rec_magazine nel ruolo di media partner.
Il Prof. Cesare Feiffer, moderatore della giornata e Direttore della nostra rivista, ha condotto i partecipanti attraverso esperienze realizzate, laddove il restauro architettonico di un singolo edificio o di un complesso architettonico sono stati possibili soprattutto grazie alla definizione di un progetto di più ampie vedute e finalizzato ad autofinanziarsi. I casi illustrati sono esempi virtuosi di riuso di immobili e contesti dove la pratica conservativa, rispettosa delle valenze storiche ed architettoniche dei contesti, trova applicazione accompagnandosi ad obiettivi di valorizzazione.

Palazzo Cigola Martinoni  a Cigole (BS), il borgo diffuso di S. Stefano di Sessanio, la cittadella del vino a Villa della Torre a Fumane, l’osteria dell’oste che non c’è in Valdobbiadene, il complesso di Porta San Tommaso a Treviso, il Castello Bevilacqua vicino a Verona e la Foresteria Santa Maria nell’Abbazia di Follina sono alcuni casi di conservazione e valorizzazione illustrati dai loro ideatori. Nel corso del convegno, altri argomenti strettamente attinenti in tema di riuso sono quelli dell’Heritage Bonus, proposto da Assocastelli, e del ‘trust’ quale strumento di gestione e valorizzazione del patrimonio.

I temi trattati e gli esempi virtuosi proposti, saranno raccontati anche sulle pagine di recmagazine154_luglioagosto.
L’ampia partecipazione all’evento e l’attenzione dimostrata dai partecipanti hanno dimostrato l’interesse e l’attualità di questo tema che sarà facilmente riproposto in una data e in altra sede.

 

Palazzo Cigola Martinoni a Cigole
Parco di Palazzo Soranzo Cappello a Venezia
Santo Stefano di Sessanio
Castello Bevilacqua
Villa della Torre Allegrini
Osteria dell'oste che non c'è in Valdobbiadene