ISSN 2283-7558

mssciolti

Margherita Sciolti

Autore

PhD, Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione, Università del Salento

rec 136

LA CONOSCENZA COME BASE DI UNA CONSERVAZIONE SOSTENIBILE

La Casa del Mutilato di Lecce

La vigente normativa nazionale in materia di prevenzione del rischio sismico traccia un percorso metodologico mirante a conseguire una adeguata conoscenza del patrimonio edilizio esistente, preliminare e necessaria alla corretta progettazione di interventi per il recupero/adeguamento/miglioramento. Tale approccio assume particolare rilievo con riferimento ai manufatti a carattere monumentale; in tal caso, infatti, sicurezza e conservazione si fondono in un unico obiettivo, pertanto solo una conoscenza accurata può condurre a scelte sostenibili, ovvero ad interventi miranti a trasferire alle future generazioni la testimonianza inalterata di civiltà passate. Tale percorso metodologico è stato seguito per conseguire la conoscenza del manufatto denominato Casa del Mutilato di Lecce, edificio costruito nel ventennio fascista. Nel lavoro verranno sinteticamente riportate le fasi del percorso conoscitivo; la metodologia seguita e i risultati ottenuti costituiscono, sicuramente, una base fondamentale per la progettazione sostenibile di eventuali interventi sul manufatto in esame ma, soprattutto potrebbero rappresentare un valido format facilmente estendibile ad una categoria di opere con caratteri storico-architettonici e strutturali analoghi.

rec 136

THE KNOWLEDGE AS BASIS FOR A SURSTAINABLE CONSERVATION

The 'Casa del mutilato' in Lecce

The national Codes concerning seismic risk prevention suggest a methodology aiming to obtain an adequate knowledge of existing constructions; that knowledge is the necessary basis for the design of rehabilitaton/upgrading/improvement interventions. That approach is particularly relevant when referring to cultural heritage; in fact, in that case safety a conservation become both the main goal. Therefore only an accurate knowledge may allow sustainable interventions, namely interventions able to transmit to the future generations the intact testimony of the past. The above methodology has been applied to the artifact known as “Casa del Mutilato di Lecce”, built during the fascist period.  In the paper the different stages of the knowledge will be briefly reported; the followed approach and the obtained results may be considered as a significant start point for future sustainable design of interventions regarding the analysed artifact; in addition it could be an effective format to be possible extended to similar buildings in terms of historical, architectonical and structural features.