ISSN 2283-7558

anna.raimondi

Anna Raimondi

Autore

dx

MEMBRO DEL COMITATO SCIENTIFICO di recuperoeconservazione_magazine
Ambito di lavoro per rec_magazine: Il bim e il progetto di restauro
  

Nasce a Cremona, si laurea alla Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano nel 1997. Dopo un master di specializzazione in rilievo, opera nel restauro architettonico unendo all’intensa attività professionale, in tutto il nord Italia, l’approfondimento culturale che si è concretizzato con la pubblicazione di numerosi articoli tecnici. Impegnata attivamente nella ricerca per la stesura del protocollo Historic Building all’interno del GBC Italia.

rec_mag 146

La Ca’ Brutta di Giovanni Muzio a Milano

Il cantiere di conservazione di un’architettura moderna PARTE SECONDA

Dopo quasi un secolo dalla sua realizzazione, l’audace architettura di Giovanni Muzio a Milano, considerata a quel tempo rivoluzionaria e troppo moderna, è stata oggetto di un importante intervento di restauro condotto nell’ambito della cultura della conservazione.
Materiali costruttivi e particolarità architettoniche presentavano i segni del tempo conferendo al manufatto un aspetto storicizzato che è stato rispettato nella definizione del progetto e nell’esecuzione dei lavori.
Nella seconda parte dell’articolo sono illustrate le attività di restauro condotte in cantiere e le modalità esecutive adottate nel rispetto dei materiali originali e delle caratteristiche architettoniche dell’opera di Muzio.

rec_mag 146

The Ca' Brutta by Giovanni Muzio in Milan

The building site of a modern architecture SECOND PART

After almost a century, this Giovanni Muzio’s building, considered since its creation revolutionary and too modern, has been the subject of an important restoration carried out in the context of the culture of conservation.
Its construction materials and architectural features were affected by the signs of time, which gave to the architecture a particular historical aspect, that has been respected in project and in the execution.
In the second part, the restoration activities and the methods adopted in the restoration site, in compliance with the original materials and the
architectural features in Giovanni Muzio works.



rec_mag 145

La Ca’ Brutta di Giovanni Muzio a Milano

Il progetto di conservazione di un’architettura moderna PARTE 1

Dopo quasi un secolo dalla sua realizzazione, l’audace architettura di Giovanni Muzio a Milano, considerata a quel tempo rivoluzionaria e troppo moderna, è stata oggetto di un importante intervento di restauro condotto nell’ambito della cultura della conservazione. Materiali costruttivi e particolarità architettoniche presentavano i segni del tempo conferendo al manufatto un aspetto storicizzato che è stato rispettato nella definizione del progetto e nell’esecuzione dei lavori.
La prima parte dell’articolo riguarda l’attività progettuale condotta con il supporto di un’approfondita attività di conoscenza del manufatto supportata da studi storici ed attività diagnostiche. Inoltre, la fase progettuale ha dovuto affrontare la complessità determinata dalla dimensione del contesto architettonico ed ha definito la cantierizzazione dei lavori nel rispetto delle attività funzionali dell’edificio (di tipo residenziale e non solo) che non sono state interrotte durante l’intera esecuzione delle opere.

rec_mag 145

The Ca' Brutta by Giovanni Muzio in Milan

The conservation project of a modern architecture PART 1
After almost a century, this Giovanni Muzio’s building, considered since its creation revolutionary and too modern, has been the subject of an important restoration carried out in the context of the culture of conservation. Its construction materials and architectural features were affected by the signs of time, which gave to the architecture a particular historical aspect, that has been respected in project and in the execution. The first part of the article concerns the project activity, carried out with the support of an in-depth analysis supported by historical studies and diagnostic activities. Moreover, the design phase has had to face the complexity of this huge architectural context and it has organized the work site in respect of the functional activities of the building (residential, directional, …), always usable during the entire execution of the works.