ISSN 2283-7558

chiara.parolo

Chiara Parolo

Autore

dx

MEMBRO DEL COMITATO SCIENTIFICO di recuperoeconservazione_magazine
Ambito di lavoro per rec_magazine: Fotografare il restauro

 
Nata a Este (PD), compie studi classici e si laurea in Architettura all’Università IUAV di Venezia nel 2010 approfondendo la tematica del rilievo come strumento di conoscenza per il restauro. Da anni opera professionalmente nel settore del restauro monumentale collaborando con studi di architettura, imprese e personalmente e studiando le tecniche di conservazione dei materiali tradizionali. Unisce all’attività professionale la passione per la fotografia tematica dell’arte, dell’architettura e del paesaggio. Ha ideato e realizzato mostre e concorsi fotografici legati al territorio e al paesaggio culturale in cui vive.

rec_mag 142 LA PAROLA ALLA FOTOGRAFIA

I SEGNI DEL TEMPO

Qualche mese fa, Il circolo musico-culturale “Il cenacolo”, ha organizzato un concorso fotografico itinerante per amatori in alcuni comuni della bassa padovana.
Lo scopo della competizione fotografica era quello di valorizzare un territorio poco conosciuto e pieno di potenzialità.
Ai partecipanti sono stati assegnati alcuni temi a cui rispondere con scatti fotografici.



rec_mag 141 LA PAROLA ALLA FOTOGRAFIA

SAN MARCO 1912: COM’ERA E DOV’ERA

Nel sottotetto-granaio di una cinquecentesca villa veneta semi abbandonata mi è capitato tra le mani il numero di Aprile 1912 di “La lettura”, mensile del Corriere della Sera.
In questo periodo in cui, a causa dei drammatici terremoti che hanno sconvolto l’Italia centrale, il dibattito sulla ricostruzione com’era e dov’era si è riaperto e rianimato [...]



rec_mag 140 LA PAROLA ALLA FOTOGRAFIA

GIÙ LE MANI DAI MONUMENTI !

Due ciclopiche mani bianche escono da Canal Grande e sembrano voler aiutare Ca’ Sagredo a rimanere lì dov’è. E’ questa in poche e semplici parole la descrizione dell’istallazione SUPPORT che Lorenzo Quinn ha realizzato a Venezia in occasione della Biennale d’Arte.
“Giù le mani dai monumenti !” è il primo pensiero che mi è saltato alla mente [...]