ISSN 2283-7558

aborri

Antonio Borri

Autore

dx

Università degli Studi di Perugia, Dipartimento di Ingegneria, Perugia

rec_mag 151

Senza sicurezza non c’è conservazione

Beni culturali in zona sismica: intervento “minimo” significa “quello necessario”

I molti crolli di chiese e di altri manufatti avvenuti anche nei recenti eventi sismici hanno confermato le ben note vulnerabilità di queste costruzioni storiche.
È sempre più evidente che, almeno nelle zone di elevata pericolosità sismica, la scelta tra intervenire (efficacemente) e non intervenire corrisponde alla scelta tra la “firmitas”, che permette la “conservazione in vita” del manufatto e del suo contenuto, e una “conservazione” solo nominale, che si limita alle attenzioni verso le superfici di tali monumenti e lascia la loro sopravvivenza al caso e alla aleatorietà degli eventi.
L’articolo propone alcune riflessioni su cosa si dovrebbe intendere, in questi casi, per “minimo intervento”.

rec_mag 151

Cultural Heritage in seismic zone

"Minimum" intervention means: "the necessary one"!

The collapses of churches and other artefacts during recent earthquakes confirmed the well-known vulnerabilities of these historical constructions.
In areas of high seismic hazard, it’s evident that the choice between intervening and non intervening can be compared to the choice between the "firmitas" that allows to “keep in life" the construction and of its contents and a "virtual conservation”, which is limited to the attention to the non-structural parts, leaving the building’s  survival to the randomness of the natural events.



rec_mag 143

LA TECNICA TABICADA ARMATA PER IL RECUPERO DI VOLTE IN FOLIO

L’articolo raccoglie le esperienze condotte sulla tecnica di intervento denominata “tabicada armata” per il recupero delle volte in folio portanti. L’intervento costituisce un’attualizzazione di una tradizionale tecnica costruttiva catalana, la tecnica tabicada, e consiste nel sovrapporre al primo corso di laterizi un secondo (ed eventualmente un terzo) con giunti sfalsati nelle due direzioni e frapponendo fra gli strati una rete preformata in fibra di vetro immersa in una matrice di malta idraulica.

rec_mag 143

REINFORCEMENT OF THIN MASONRY VAULTS WITH GFRP GRIDS

Palazzo Pica Alfieri is one the most important buildings damaged by the 2009 L’Aquila earthquake. Splendid ancient frescoes decorate the vaulted ceilings of the building, now under restoration. Most of the vaults are made by thin brick tiles and will be retrofitted using the method known as “GFRP reinforced Catalan vault”, recently proposed by the authors (Borri. A., Castori G., Corradi M., Vetturini, R., 2013) (Borri, A., Castori, G., Corradi, M., 2014).
This paper includes a preliminary analysis of the building, of its history and of the damage produced by the 2009 earthquake. Details of the damage of the vaulted ceilings will be given. A new application of the reinforcement method will be justified and presented which can be applied on large thin vaults. The reinforcement procedures and critical points will be also contained and discussed within this paper.

 



rec 134

RINFORZO DI VOLTE IN FOLIO MEDIANTE LA TECNICA TABICADA ARMATA

APPLICAZIONE IN UN PALAZZO STORICO A L’AQUILA

Tra gli edifici del centro storico de L’Aquila che hanno subito gravi danneggiamenti a seguito del sisma del 2009 vi è l’importante Palazzo Pica Alfieri. Nell’ambito dei lavori di restauro e consolidamento di tale edificio è stata applicata, ad alcune delle sue splendide volte affrescate, la tecnica di consolidamento denominata “tabicada armata” proposta e descritta in precedenti lavori (Borri. A., Castori G., Corradi M., Vetturini, R., 2013) (Borri, A., Castori, G., Corradi, M., 2014).
Dopo una breve descrizione delle caratteristiche del Palazzo, della sua storia e dei danneggiamenti subìti in conseguenza del terremoto del 2009, in particolar modo quelli riportati dalle strutture voltate, sono analizzate le ragioni che hanno condotto alla scelta della tecnica “tabicada armata” per il rinforzo strutturale di alcune volte. Vengono illustrate le fasi applicative della tecnica, unitamente alle problematiche incontrate e ai risultati ottenuti.

rec 134

REINFORCEMENT OF THIN MASONRY VAULTS WITH GFRP GRIDS

A CASE STUDY IN THE CITY OF L’AQUILA

Palazzo Pica Alfieri is one the most important buildings damaged by the 2009 L’Aquila earthquake. Splendid ancient frescoes decorate the vaulted ceilings of the building, now under restoration. Most of the vaults are made by thin brick tiles and will be retrofitted using the method known as “GFRP reinforced Catalan vault”, recently proposed by the authors (Borri. A., Castori G., Corradi M., Vetturini, R., 2013) (Borri, A., Castori, G., Corradi, M., 2014).
This paper includes a preliminary analysis of the building, of its history and of the damage produced by the 2009 earthquake. Details of the damage of the vaulted ceilings will be given. A new application of the reinforcement method will be justified and presented which can be applied on large thin vaults. The reinforcement procedures and critical points will be also contained and discussed within this paper.



rec 127

STRUTTURISTI E RESTAURATORI: SICUREZZA Vs CONSERVAZIONE?

Problemi, dubbi e proposte

Nella presente relazione sono presentate alcune considerazioni sulle problematiche che nascono quando si vengono a confrontare le competenze di strutturisti, restauratori e conservatori. Alla fine sono elencati alcuni contributi di ricerca sperimentale, che, nel filone del “consolidamento consapevole” (delle diverse esigenze) sono stati indirizzati verso il non facile obiettivo di coniugare sicurezza e conservazione.

rec 127

SAFETY Vs CONSERVATION?

Problems, concerns and proposals

In this report are presented some considerations on the problems that arise when you are comparing the skills of structural engineers, restorers and conservators. At the end are some contributions of experimental research, which, in the vein of "consolidation aware" (of the different needs) have been directed towards the difficult goal of combining safety and conservation.